Forte inversione di tendenza rispetto solo a qualche anno fa: tante le aziende del vino che ricercano e investono nella ricerca di personale commerciale e marketing, molto meno invece nell’area tecnica. - WineJob

News

2009

Forte inversione di tendenza rispetto solo a qualche anno fa: tante le aziende del vino che ricercano e investono nella ricerca di personale commerciale e marketing, molto meno invece nell’area tecnica.

Forte inversione di tendenza rispetto solo a qualche anno fa: tante le aziende del vino che ricercano e investono nella ricerca di personale commerciale e marketing, molto meno invece nell’area tecnica.

INOLTRE È ALTISSIMA L'OFFERTA DI PROFESSIONISTI DI ALTRI SETTORI CHE VORREBBERO LAVORARE NEL VINO, MA LE AZIENDE VITIVINICOLE SPESSO NON LI PRENDONO NEMMENO IN CONSIDERAZIONE.
 
QUESTO IL RISULTATO DI UN SONDAGGIO CONDOTTO DA WINEJOB.IT, IL PRIMO ED UNICO PORTALE DELLE RISORSE UMANE PER IL VINO IN ITALIA.

Le aziende vitivinicole nell'ultimo anno stanno investendo soprattutto nella ricerca di personale commerciale e marketing, molto meno nell'area tecnica. È il dato più significativo di un sondaggio svolto da WineJob.it ,il portale delle risorse umane per il vino, condotto fra un campione di aziende vitivinicole presenti al Vinitaly.
È la conferma demoscopica di un  andamento già rilevato dagli esperti di WineJob,it che proprio negli ultimi mesi, in particolare, hanno visto incrementare le richieste di personale commerciale, soprattutto nel settore export. Le aziende vitivinicole stanno quindi cercando di allargare i loro contatti commerciali con i paesi esteri e investono così in risorse umane per presidiare meglio i mercati complessi (in particolare gli USA).
Dall'indagine di WineJob.it risulta però che ancora gran parte delle imprese del vino svolgono una ricerca limitata alle conoscenze dirette. Ciò significa che la ricerca si avvale ancora dei canali tradizionali e locali riducendo così l'opportunità di una selezione ben fatta su un numero maggiore di candidature, provenienti anche da altre regioni. Si fa selezione attenta delle uve, meno nel personale. Magari, perché no, portando via ai concorrenti le risorse migliori, come avviene in molti altri settori.
È questo un altro problema che emerge dall'indagine di WineJob.it.
C'è una grande offerta di professionisti del settore commerciale e marketing di altri settori che premono alle porte del mondo del vino per entrare. Ma le aziende vitivinicole sono diffidenti rispetto a queste figure e spesso, a scapito delle esperienze professionali, non vengono proprio presi in considerazione.